Chi pensi di essere?

3 modi per riprendere i tuoi pensieri e dichiarare la verità di Dio sulla tua vita.

Persona che pensa

Quando ti approcci ad un compito, una relazione o un’opportunità e pensi a chi sei e a cosa sei capace di fare, quali parole ti vengono in mente? Sono parole che mostrano fiducia, speranza, fiducia e forza? O paura, dubbio, orgoglio o insicurezza?

Quello che ci raccontiamo ogni giorno è importante. Se crediamo a qualcosa che non è vero sulla nostra identità, allora faremo fatica a credere a ciò che Dio dice di noi quando ce lo rivela.

Le verità sono immutabili. Non dipendono da cosa fai, da cosa hai fatto o da chi vuoi essere. Le verità non sono mantra di auto-aiuto o dei cliché. Si basano interamente sulla Parola di Dio e su ciò che dice di te. Anche se ci saranno sempre aree della vita in cui avrai bisogno di crescere, il modo in cui Dio ti vede e ciò che dice di te non cambia, perché Dio afferma chi sei, non solo ciò che fai.

Ecco perché, quando radichi la tua identità in Lui dichiarando su di te verità basate sulla Bibbia, inizierai a vederti nel modo in cui Lui ti vede, e questo influenzerà il modo in cui tratti le persone, le situazioni, le opportunità e gli eventi intorno a te.

Ecco 3 passaggi che possono aiutarti a correggere i tuoi pensieri e dichiarare la verità sulla tua vita:

  1. Identifica le bugie che dici a te stesso.

  2. Prenditi un momento e pensa a una conversazione difficile che hai avuto di recente. Cosa hai detto? Cosa stavi pensando di te e dell’altra persona?

    Le tue parole e azioni rivelano quello che racconti a te stesso. Per capire se un’affermazione è falsa, chiediti: Questo pensiero è caratterizzato da paura, insicurezza, orgoglio, rancore o mancanza di fiducia? Questo pensiero mi sta portando a un comportamento cinico o egoistico? Se riesci a rispondere “sì” a una di queste domande, allora ciò che ti stai raccontando probabilmente ha bisogno di essere affrontato e corretto.

    In questo momento, prenditi qualche minuto e identifica tutte le bugie in cui potresti credere. Una volta che hai fatto questo, scrivi quelle false narrazioni e rifletti su di esse. Trascorri alcuni momenti in silenzio e chiedi a Dio di mostrarti chiaramente da dove provenivano quelle bugie.

    Quando riesci a identificare dove e quando hai iniziato a credere ad una bugia, sarà più facile cambiare il tuo modo di pensare.

  3. Cambia prospettiva.

  4. Per ogni bugia, c’è una verità che può sostituirla. Esamina di nuovo il tuo elenco di false idee e, questa volta, chiedi a Dio di mostrarti qual è la Sua verità per ciascuna delle affermazioni che hai scritto.

    Per fare questo, prova a trascorrere qualche minuto con Dio e poi chiediGli di mostrarti chiaramente come ti vede Lui. Successivamente, cerca i versetti della Bibbia che contraddicono le bugie in cui hai creduto. (Nell’app, vai su “Scopri” nel menu e cerca con parole chiave.)

    Ecco alcuni passaggi che possono aiutarti a iniziare…

    Identità: Galati 5:22-23, Giovanni 3:16, Isaia 43:5, 2 Corinzi 5:17

    Denaro: Filippesi 4:19, Ebrei 13:5, Deuteronomio 8:18, 1 Timoteo 6:17-19, 1 Timoteo 5:8

    Relazioni: Romani 13:8, Efesini 6:1-4, 1 Pietro 4:8, 1 Tessalonicesi 5:11

    Sicurezza: Giovanni 10:28-29, Galati 5:1, Tito 3:5-7, Salmo 27:1-3

    Fiducia: Proverbi 3:26, Filippesi 4:13, 1 Giovanni 4:15-18, Ebrei 10:35-36

    Vita quotidiana: 2 Corinzi 12:9-10, Isaia 30:15, 1 Timoteo 4:12, Romani 12

  5. Dichiara ciò che è vero.

  6. Una volta che hai la tua lista di versetti, riscrivili con parole tue. Trasforma le verità della Scrittura in affermazioni specifiche e intenzionali che puoi dichiarare quotidianamente sulla tua vita.

    Ecco come potrebbero apparire alcune possibili dichiarazioni:

    • Sono all’altezza perché sono un figlio di Dio.
    • Mi rallegro nella sofferenza perché Cristo ha sofferto per me.
    • Non mi vergogno di Gesù perché il Suo sacrificio cambia la vita.
    • Sono molto amato, e quindi amo gli altri come sono stato amato.
    • Niente può separarmi dall’amore di Dio.

Mentre crei la tua lista, tieni presente che quando Dio ti guarda, vede Suo figlio. E se Dio, che è la verità, dice qualcosa su di te, allora deve essere vero. ​​Ecco perché, quando crei il tuo elenco di dichiarazioni, puoi crearle con sicurezza…

Perché appartieni al Dio che ti equipaggia con fiducia e ti chiama per nome.

FacebookCondividi su Facebook

TwitterCondividi su Twitter

E-mailCondividi via E-mail

This post is also available in: Inglese Afrikaans Indonesiano Tedesco Spagnolo Filippino (Tagalog) Francese Olandese Portoghese Rumeno Russo Giapponese Cinese (Semplificato) Cinese (Tradizionale) Coreano Polacco Vietnamita